Aspi a spinning

di davide ricotti pubblicato il 27/07/16

Negli anni la ricerca sulle imitazioni di pesci, minnow o  hard bait che dir si voglia, oppure le diverse creature in silicone, ci ha portato ad avere una gamma molto folta sia di modelli che di colori sempre più adescanti, e molti pescatori a spinning  si sono dimenticati delle  esche in ferro, ondulanti o rotanti, è un fatto che io in prima persona noto da diverso tempo nelle uscite specialmente sul PO, sia con i miei soliti compagni di pesca che con altri amici occasionali, io sono il primo ad essere affascinato da tanti modelli diversi e dalla ricerca di novità, nello stesso tempo però non bisogna mai buttare tutto il vecchio per il nuovo, teniamo presente come impiegare al meglio i rotanti, ci può tornare utile in diverse situazioni, per esempio impiegandolo come artificiale di disturbo, ovvero in situazioni di calma piatta da parte dei nostri amici predatori, facciamo qualche passaggio sulle zone di pesca con un bel rotantone senza cavaglierino  da 15 o anche da 20 gr. se non abbiamo attacchi teniamo presente che sotto l’acqua abbiamo dato vibrazioni molto forti che tante volte vanno a smuovere i pesci infastidendoli, dopo di che torniamo in pesca con passaggi lenti con i minnow in diverse occasioni questa tecnica paga.

Anche nella pesca in deriva dalla barca questo tipo di esca ci può aiutare a sondare i diversi strati di acqua abbassando o alzando la canna durante i recuperi. Gli ondulanti sugli aspi sono veramente efficaci, ho notato che mentre con i minnow lipless, molto usati su questo divertente predatore, l’attacco avviene solo se recuperati in modo veloce, con gli ondulanti avvengono anche con recuperi stop en go, e in caduta, bene spero di risvegliare in voi amici lanciatori la voglia di avere nelle vostra borsa anche una cassettina di queste esche in ferro. Tengo a dire che in torrente, vuoi perché far lavorare un imitazione di pesce in acqua con forte corrente è sicuramente più difficoltoso che non nei fiumi, vuoi per praticità, non per ultimo il costo minore rispetto ai minnow,  visto che è un ambiente il torrente dove si rischia di perdere molte esche, i rotanti sono sempre le esche artificiali più usate. Teniamo presente che la ricerca in questi anni ha fatto progressi importanti anche sui grezzi, con materiali sempre più performanti, con gli anelli guidafilo, dando alle canne una sensibilità sempre maggiore, con diverse azioni , di conseguenza una sensibilità sull’esca che con le canne dei tempi in qui sono nate le esche in ferro sicuramente non potevamo avere, è veramente curioso per uno come me che ben si ricorda come si pescava a cucchiaino 30 anni fa, fare un confronto tra esche in ferro, e canne di ultima generazione, veramente divertente, è come avere in canna esche nuove, Provare per credere.






Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)