Blog Del Direttore

Fiera dopo Fiera ed alluvione Lunigiana

Di Gionata Paolicchi pubblicato il 01/11/11

Scusate per la mia assenza in ottobre dal blog, sono stato impegnato nel trasloco di casa ed ufficio, oltre che nel terminare la nuova serie di Emozione Carpfishing che vedrete dal 23 febbraio su Caccia e Pesca, ma oggi il tema sono le fiere di pesca, andiamo avanti.

Abbiamo lottato per anni, poi alla fine, nel 2007, a Firenze, riuscimmo a riunire sotto un unico tetto, tutte le aziende del settore pesca, eccezion fatta per il carpfishing, considerato un mondo a parte e che meritava di essere considerato come realtà autosufficiente in quel di Gonzaga a Mantova. Esistevano due gruppi, prima del 2007: la FIPO ed il Promofish. La FIPO era capitanata da Carlo D'Olivo di Italcanna e vedeva la partecipazione di grandi aziende come FASSA e Shimano. Nel Promofish c'erano Milo, Maver, Trabucco, Tubertini, Colmic e Sarfix. Non tutte e sei queste aziende partirono nel 2007, alcune decisero di farlo nel 2008, altre nel 2009. La fiera si è sempre tenuta a febbraio e queste aziende, volevano la fiera in un altro periodo, in autunno, ad ottobre. Gli anni passarono, le aziende Promofish continuavano a chiedere di cambiare periodo, ma per mille motivi (che non sto certo a spiegare sarebbero troppo lunghi) non si riesce a fare questo spostamento di data. Risultato? Le Aziende Promofish esporranno i prossimi 10-11 dicembre alla fiera di Forlì e non verranno al Fishing Show di Bologna. Un grande passo indietro, non solo per le fiere, per tutto il settore. L'unione fa la forza e non riuscire politicamente a tenere insieme questo "piccolo" mondo è un grosso dispiacere, per me, per tutti. Si può fare di più, si può fare meglio, ci si deve mettere attorno ad un tavolo più spesso, si deve vedere oltre l'orticello, altrimenti è davvero meglio andare a zappare la terra. Scusate se non uso mezzi termini, ma sono molto dispiaciuto per l'accaduto e scrivo una settimana dopo aver appreso la notizia, se avessi scritto una settimana fa non saprei cosa sarebbe uscito da questa tastiera. Dimenticavo: il gruppo Promofish vede la partecipazione anche di FIPSAS, quindi anche FIPSAS non sarà a Bologna. Noi a Bologna ci saremo, come sempre, a tenere la tradizione, speriamo però che FIPO e Promofish tornino assieme, nel novembre 2013, in un unica, grande fiera, dobbiamo crescere ed in un momento di crisi come questo, solo stando assieme è possibile farlo.

A febbraio ci sarà una fiera ogni week end. Partendo da novembre, Fiera di Carrara, poi fiera della pesca a Mosca a Prato, poi Forlì il 10 e 11 dicembre, si salta al primo week end di febbraio con la fiera di Ferrara, settimana dopo Carpitaly, poi Vicenza ed infine Bologna. Una follia fieristica, un piccolo settore frammentato in piccole fiere. Non si pensino gli organizzatori, quest'anno più che mai di avere coda alle casse... e stand pieni... l'importante di una fiera non è vendere spazi espositivi, è portare gente, portare il pubblico, questa è la cosa più difficile da fare! Solo due fiere ci riescono e ci riescono veramente: il Carpitaly ed il Fishing Show. A Vicenza vanno in molti, ma per la caccia, non per la pesca. A Carrara vanno in un bel numero, ma abbinati alla Pesca Professionale. Delle altre sappiamo poco e nulla. Sarà che sono accentratore e sarà che i fine settimana mi piace stare con la famiglia, ma basta con 'ste fiere tutti i week end!!! Fateci andare a pescareee!!!

Concludo dicendo che dobbiamo e possiamo aiutare gli amici della Lunigiana e delle Cinque terre coinvolti nella recente alluvione. Farlo è semplice e vogliamo farlo attraverso l'amico Stefano Sarti della FIPSAS di Massa Carrara, che da sempre mi coinvolge in molti lavori che proprio svolgiamo in Lunigiana ed in quelle acque. Per saperne di più e dare un aiuto concreto clicca qui


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: