Blog Del Direttore

I “nazisti” ittici.

Di Gionata Paolicchi pubblicato il 19/11/11

Lo spunto di questo mio scritto me lo ha dato l’altra sera Ezio Greggio durante Striscia la Notizia. Se lui, davanti ad una platea di milioni di persone è autorizzato a paragonare un canile Lager di Montichiari “a qualcosa di peggiore” riferendosi ovviamente all’Olocausto, beh, allora anch’io sono autorizzato a parlare dei “nazisti ittici”. Cosa sono i “nazisti ittici”? Andiamo per ordine, fra poco lo scoprirete. In quel canile, quello a cui fa riferimento Greggio ci sono qualche centinaio, forse migliaio di cani. Mille cani valgono più di miliardi di pesci? Direi di no e quindi, oggi voglio osare, voglio dire qualcosa di eccessivo, voglio lanciare una provocazione. Siamo d’accordo sul fatto che il canile Lager sia una vergogna da eliminare. Non si possono allevare cani per la vivisezione, è una crudeltà assurda. Ma allo stesso modo è mai possibile autorizzare immissioni di pesci alloctoni da parte di enti, società, associazioni, federazioni e poi dopo gli stessi fanno di tutto per eliminarli? Quanti soldi vengono oggi spesi per immettere e quanti soldi per eliminare pesci? Insomma, non ci rendiamo conto che ci sono tanti, troppi soldi che vengono buttati nel cesso oltre che vengono sterminati pesci su pesci nel nome della razza pura e che tutto ciò è assurdo e ridicolo?
Dopo la pulizia etnica, venne la pulizia ittica.
Da anni ormai si dibatte sul tema dei pesci alloctoni e si professa lo sterminio di massa di ogni pesce che non sia autoctono. Trovate voi molta differenza tra questa ideologia e quella dei nazisti negli anni quaranta? Beh si, i pesci non parlano, non sono persone, ovviamente questo paragone è forzato e provocatorio, certo, ma trovate davvero possibile, allo stato attuale, riuscire ad eliminare dalle nostre acque tutti i pesci alloctoni? Avete idea di quali e quante specie ittiche stiamo parlando? Non solo di Siluro, ma anche di Black Bass, Aspi, Lucioperca, Amur, Carassi, Breme, Gardons… devo continuare? Trovate REALE, fattibile, realizzabile, eliminare dalle nostre acque questi pesci? Quanto stiamo spendendo di denaro pubblico per fare inutili svasi, travasi e quant’altro per eliminare gli alloctoni? Sapete quanto viene speso per ripopolare le nostre acque? E per pulire i letti dei fiumi, quelli stessi fiumi che poi esondano, straripano e fanno vittime? Milioni e milioni di euro, decine di milioni ogni anno. E allora, non vi pare che sia qualcosa che non torna, che non va? Insomma, non vi pare ci sia uno strano fenomeno di spese, spese, soldi, che entrano ed escono per cose inutili? Per questa volta, più che dire la mia, mi piacerebbe sentire la vostra, cosa ne pensate di tutto questo? Provate a rispondere a tutti i quesiti che pongo, vediamo cosa esce fuori.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: