Itinerari Italia

Il tratto medio del Sesia

Di www.pescaepesca.org pubblicato il 08/08/13

                 

Per tratto medio intendiamo il fiume dopo Doccio e fino all’ immissione nello stesso del Torrente Cervo. A monte di Doccio è gestito dai pescatori Valsesiani e a valle dalla FIPSAS Novara/Cagep (detto “fishing Tour”)  fino al ponte ferroviario di Romagnano Sesia e dopo dalla FIPSAS di Novara o di Vercelli. Il fiume dopo Doccio ha già una ottima portata d’acqua e scorre fra grosse pietre ed anche massi di cui alcuni giganteschi come a Prato Sesia. Molto bella particolarmente è la zona a monte di Serravalle Sesia frazione Isolino.

Lo possiamo dividere in 3 tratti cioè fino al ponte che collega Romagnano a Gattinara che è zona a salmonidi, la lama di Romagnano zona No Kill  e il restante tratto.

Nel primo tratto troviamo correntine e correntone, alcune buche sui 2-3 metri di profondità ed alcune lame con correnti medie e profondità medie. Naturalmente tutto questo a livelli normali del fiume. Subisce un prelevamento di media entità prima per la roggia della filatura e poi a Prato Sesia uno consistente per l’ uscita della roggia Mora ed infine un altro medio a Gattinara per una altra roggia. La lunghezza è attorno ai 10 KM. Gli accessi non sono molti di cui la maggior parte in sponda orografica destra

Vengono immesse ogni anno dai 1800 ai 2200 Kg di trote adulte fario ed iridee oltre a un gran numero di trote fario e iridee allo stato di piccole trote o tanti avannotti di trota marmorata derivanti dai 2  incubatoi  FIPSAS Novara di cui 1 vicino al Sesia  e l’ altro presso i laghi di Obbiadino e dall’ incubatoio del CAGeP.

 Come pesci da spinning troviamo Cavedani e i grossi barbi europei sembrano l’ ultima frontiera dallo spinning come reclamizzato dallo Spinning Club . Di sicuro sono presenti degli esemplari di  grosse marmorate selvatiche di difficile cattura che generalmente prendono gente dei paesi che si affacciano sul fiume e ci vanno sovente, magari solo 1 ora, al mattino molto presto o alla sera molto tardi. Era ben noto che i grossi esemplari di trota fario e marmorata agissero a queste ore ed uno studio scientifico fatto da professori ed allievi del corso universitario di scienze naturali lo ha dimostrato mettendo microchip a trote e monitorandole. Le più grosse uscivano a mangiare solo in quelle ore e poi si intanavano..

A spinning soprattutto rotanti del N 3-4/Martin 9-15 gr e qualche minnows galleggiante per le lame o Shad Rap per le buche fra i 7 e 11 cm entrambi: Canna da 240 cm, grammatura fino a 30 grammi e mulinello del N 2500 caricato con fili dallo 0.25 allo 0.30 o un trecciato del N 10-14.  Stivaloni o meglio wader. Per cavedani funzionano bene quelli di un negoziante di Novara detto Lesovitch.

La lama di Romagnano ha una profondità di circa 4 metri nella sponda orografica sinistra e il tratto iniziale che và dalla buca alla lama è praticabile con stivali mentre la lama  è tutta fatta con grossi massi naturali; E’ di media difficoltà alla pesca a spinning dato che o si lancia da lontano o bisogna fare un saliscendi fra i massi..La pesca a passata è adatta in quella sponda ma non si pensi di pescare fine….pescare fine a Romagnano alla ricerca dei barboni vuole dire avere minimo il finale dello 0.16 per sperare di tirarne fuori qualcuno di quelli veramente big (record di 5.850 gr) Il fondo degrada verso il bosco opposto o la spiaggietta di sassi se il fiume è basso e a spinning si devono fare lunghi lanci o andarci quando è basso.Ottimale per pescatori di buon livello a ledgering lanciando verso i massi. Consigliato Method con anche piccole boilies alla fragola o altri gusti a seconda delle proprie preferenze. Ogni tanto ma non raramente escono belle tinche. In periodi di irrigazione la lama termina con una diga di pietre per fare uscire l’ acqua per un canale. E’ seminata da moltissimi anni dalla FIPSAS NO coi pesci recuperati in rogge e canali posti in asciutta. Quando l’ argentato ciprinide era un po’ più  numeroso valeva la pena di innescare a fine lenza minnow indirizzato a lui con minnows specifici  ma attualmente consiglio uno spinning generali stico come nel tratto superiore. La fa da padrone il barbo con parecchi esemplari da record; parecchie le catture sui 3 kg/4 kg effettuate da noi di P&P. In estate è facile trovare parecchi bagnanti sia vicino al ponte sia dove esce la roggia.

Permessi e regolamenti oltre alla cartina con segnati i punti di accesso al fiume e i luoghi delle semine di trote 2 tratti li trovate nel sito www.apd.no.it se avete internet. La signora Luisa vi risponderà e se mandate email ditegli che vi mano io.

 

Il restante tratto scorre in un letto di sassi con qualche riva a strapiombo naturale (a valle di Carpignano Sesia) e qualche lama di non alta profondità a vecchi massi. In alcuni punti si ramifica. La corrente è quasi sempre abbastanza veloce e la pesca non è facile. I pesci poi non sono molti traducendosi qualche cavedano e qualche trota iridea di discesa e a rare fario e  marmorate. Non lo consiglio di certo per chi vuole la cattura ad ogni costo ma a coloro che amano gli ambienti intatti o quasi.

FIPSAS Novara o Vercelli il permesso oltre alla licenza ovviamente. Nella parte iniziale della zona in questione si immette il torrente Sessera che è compreso nel buono per qualche km a monte di dove si immette nel fiume. Anche la roggia Mora e il canale della filatura sono compresi nel buono

 

Le prime 2 zone si raggiungono uscendo al casello di Romagnano/Ghemme della Voltri-Sempione e seguendo le indicazioni per la Valsesia. Una volta giunti presso un passaggio a livello in Romagnano potete posteggiare e vedere la lama No Kill e nel caso fare il permesso giornaliero (avendo la FIPSAS) al vicinissimo Bar Piemonte del costo di 8 euro(anno 2013)  per la zona a salmonidi cioè a monte del ponte e di 5 euro per la zona a ciprinidi. . Proseguendo arriverete al ponte e potete risalire il fiume sia al qua, sia al di là del ponte. Se volete andare al No Kill nel bosco girate ,dopo aver passato il ponte, a sinistra e nelle vicinanze(quasi attaccato direi)  di un altro passaggio a livello vi è una stradina.

 

Un negozio di pesca è nella vicina Prato Sesia sulla destra nella strada principale per chi arriva da Est; Per chi arriva da Ovest vi è Oreste Sport a Brusnengo (sito Web www.orestesport.it) credo il più grande del biellese e a prezzi normali.  Per chi desiderasse artificiali Lesovitch che io abitualmente contattate “rl minnow” in Facebook

 

 Email: roberto Leso@libero.it

 

Alberghi e ristoranti ovunque. Per bere e un panino veloce, caffè e dolciumi vi è il Bar Piemonte . Se arrivate da Ovest appena inizia Gattinara sulla sinistra vi è il Bar K2 che fa anche primi piatti e ottimi gelati. La zona è famosa per i suoi vini, una nota marca di grappa con spaccio e una di aceto entrambe a Ghemme.

 

Video:

http://www.youtube.com/watch?v=TtPMV-lHWZo&feature=c4-overview&list=UU4WdRef8BSRPScFxCb6tl_Q

http://www.youtube.com/watch?v=SXlwwORAQNk

http://www.youtube.com/watch?v=n3QYfVnCO40

http://www.youtube.com/watch?v=j7XYx4gZrVE

http://www.youtube.com/watch?v=-ZTGNJ4s01A

 

http://www.youtube.com/watch?v=EK3-XEhtlVk


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: