La posizione della FIOPS sulla licenza di pesca in mare

di comunicato stampa pubblicato il 01/04/17

La posizione della FIOPS sulla licenza di pesca in mare

LICENZA DI PESCA IN MARE: LA POLITICA NON METTA IL MONDO DELLA PESCA SPORTIVA CONTRO IL MONDO DELLA PESCA PROFESSIONALE MA CI AIUTI A TROVARE SOLUZIONI ADEGUATE PER IL VERO PROBLEMA, QUELLO DELLA CRESCITA DEGLI STOCK ITTICI NEI NOSTRI MARI PER VALORIZZARE, COME NEL RESTO D'EUROPA, ENTRAMBE LE TIPOLOGIE DI PESCA.

In queste settimane è tornata di grande attualità la questione della licenza di pesca in mare. Il 27 di marzo - se confermata - è prevista, infatti, la discussione parlamentare su un disegno di legge che ne prevede l'istituzione.
In questa intervista il direttore della FIOPS Francesco Ruscelli espone la posizione dell'associazione sull'argomento.
Questi in sintesi i punti sostanziali dell'intervista:

- Così com'è il disegno di legge è sbagliato. Non si può pensare di risolvere le problematiche della pesca in mare semplicemente prendendo soldi dalle tasche dei pescatori sportivi - attraverso la licenza - per versarli nelle casse dei pescatori professionisti e di altri soggetti.

- La politica, attraverso le istituzioni competenti, non commetta l'errore di mettere, in Italia, il mondo della pesca sportiva contro il mondo della pesca professionista e viceversa. La politica dovrebbe, invece, fare il contrario, agevolando i rapporti ed il confronto tra questi due mondi. Questo scontro non gioverebbe, infatti, a nessuno e a rimetterci sarebbe senza ombra di dubbio tutta la pesca in generale.

-Le competenti commissioni parlamentari in materia di pesca ( Commissioni agricoltura di Camera e Senato insieme al Ministero) sospendano l'approvazione della licenza di pesca in mare e facciano come sta facendo l'Unione Europea, ovvero commissionino uno studio approfondito sull'impatto della pesca sportiva e professionale sugli stock ittici dei mari italiani mettendo tutte le rappresentanze della pesca sportiva e professionale intorno ad un tavolo per analizzare dati, potenzialità e problematiche del settore conl'obiettivo di trovare insieme soluzioni nuove per rilanciare la pesca professionale ed al contempo trasformare la pesca sportiva in un'opportunità di crescita economica per i nostri mari.

- Siamo, da settimane, fiduciosi che la commissione agricoltura della camera ed il parlamento possano trovare un punto di saggio equilibrio sulla vicenda. Facciamo appello a che vengano ascoltate le proposte sagge e costruttive come riteniamo possa essere considerata quella che abbiamo proposto.

- In assenza di una risposta alle questioni di merito che poniamo l'unica strada sarà quella di una mobilitazione di massa di tutti i pescatori e operatori del settore della pesca sportiva come proposto dalla Fipsas Federazione Italiana Pesca Sportiva Attività Subacquee Nuoto Pinnato attraverso la campagna #mobilitiamoci per impedire, ad ogni costo, l'approvazione di un disegno di legge che così com'è appare del tutto inadeguato ad affrontare la complessità delle problematiche della pesca in mare.

 






Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)