Racconti

Le Spigole di... Jacopo Falsini!

Di redazione pubblicato il 16/10/11

ecco un inusuale articolo scritto dal campione del mondo di pesca al colpo, Jacopo Falsini, che in inverno, posata la roubaisienne si dedica a Spigole ed Orate!

di Jacopo Falsini

In una splendida giornata di fine inverno finalmente ricevo la telefonata che da tempo aspettavo,rispondo ed è proprio lui il mio amico Lino Materazzo che tutto eccitato mi dice “ Jacopo sono entrate se vieni domani si prendono!!!”
 Generalmente di telefonate come questa ne ho ricevute molte e spesso si sono trasformate in tremendi cappotti. Ma al mare si sa, è cos’ì. Quindi la voglia matta di testare le nuovissime bolognesi FIUME XXT 180 e FIUME XXT 250 da 7 ed 8 mt, che fino a quel momento avevo potuto apprezzare soltanto in Fiera e nello show room della Colmic, mi fa puntare la sveglia alle 2 e 20. Arrivo in orario all’appuntamento ed insieme a Lino conosco altri due amici che ci accompagneranno in questa avventura di pesca, Luca e Francesco. Ci spostiamo rapidamente sulla scogliera che delimita la foce del fiume, montiamo il mulinello DRAKE 3000, un attrezzo versatile dotato di una ampia bobina con frizione frontale con un rapporto di recupero 5:2 a 1 munito di 8 cuscinetti a sfera che permettono un recupero fluido, caricato con il nuovissimo VULCAN della serie LURS del 0,148.
 Sondo bene la punta della massicciata: il fondo varia da un metro e mezzo a due metri. La corrente in uscita si fa sentire abbastanza anche in fase di marea crescente. Il fondale tutto sabbioso è abbastanza omogeneo e non ci sono grossi salti. Decido di montare il NETTUNO PASSANTE da 1 grammo: un galleggiante molto valido per questo tipo di pesca poichè il foro laterale mi consente di poter farlo scorrere senza usurare il nylon, la lunga deriva in carbonio mi aiuta a mantenere un assetto molto stabile in presenza di corrente e di mare increspato. Costruisco una montatura molto aperta, una scalatura di pallini molto ampia, aperta dalla parte dell’asola ed a chiudere progressivamente fino sotto il galleggiante.
 
per leggere tutto l'articolo clicca qui


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: