News

Mondo pesca a Carrara in aiuto degli alluvionati

Di redazione pubblicato il 23/11/12

PESCA: IL PESCE FRESCO? ALL’ASTA PER AIUTARE GLI ALLUVIONATI, LE MARINERIE DELL’ARGENTARIO ATTRACCANO A MARINA DI CARRARA

 I pescherecci del Tirreno si ritrovano a Marina di Carrara.

Tante iniziative per il weekend della pesca: showcooking, assaggi e degustazioni di vini per esaltare il pesce ma ricco povero di sapori pescato nei nostri mari, aste del pesce e vendita pro-alluvionati, la grande mostra mercato e il convegno.

A Carrara Fiere anche le marinerie di Porto Santo Stefano e Porto Ercole.

Il programma di sabato 24 e domenica 25 novembre.

I pescherecci del Mar Tirreno attraccano a Marina di Carrara. La banchina è quella del terzo Salone delle Attrezzature ed Equipaggiamenti per la pesca professionale, sportiva e amatoriale e delle produzioni ittiche nazionali dove si sono date appuntamento le imprese ittiche della flotta di Impresa Pesca Coldiretti della Toscana (info su www.toscana.coldiretti.it). Dal promontorio dall’Argentario con la Cooperativa Costa d’Argento, le marinerie di Porto Santo Stefano e Porto Ercole, ai pescherecci viareggini, la Toscana del pesce povero, della qualità e del km zero è la grande protagonista dell’expo in programma fino a domenica 25 novembre presso il complesso fieristico di Carrara Fiere (info su www.mondopescaexpo.it). Un dispiegamento di imbarcazioni ed esperienze marinare per portare tra il pubblico la cultura del pesce azzurro da preparare, cucinare e mangiare e soprattutto del pesce vero, appena pescato nei nostri mari. Tante le iniziative in agenda all’interno dello spazio di Impresa Pesca Coldiretti e Agriturismi di Campagna Amica (Padiglione C) nell’arco del weekend.

Pesce a km zero. Una grande Mostra Mercato di Mare e di Terra per raccontare la filiera corta, la stagionalità, la sostenibilità ed il legame con il territorio ma anche per fare la spesa a km zero: ortaggi, frutta, confetture, olio, miele ed i prodotti del paniere toscano, insieme a triglie, gallinelle, polpi, scampi, seppie, cicale ed i pesci di “stagione” dei nostri mari.

Il mercato del pesce. Il mercato del pesce di Porto Santo Stefano trasloca a Mondo Pesca. Il pescato del venerdì sarà in vendita il sabato, quello del sabato la domenica: più fresco di così. Venduto a cassette, come si fa al mercato, il ricavato sarà devoluto alle aziende agricole colpite dall’alluvione. Ecco gli appuntamenti con i pescatori della Cooperativa Costa d’Argento e con il pescato: sabato dalle ore 15 alle 17, e domenica dalle ore 11 alle 12, e nel pomeriggio, dalle 15 alle 16.

Vino Doc & Formaggio pro-alluvionati. A fianco della grande Mostra Mercato ci sarà lo spazio dedicato ai vini e all’iniziativa di solidarietà “sostienilaviticolturaeroica” per contribuire, con l’acquisto delle bottiglie di Candia Doc dei Colli Apuani sopravvissute all’alluvione, al ripristino delle colline franate e al recupero delle cantine, magazzini e strutture danneggiate e ai prodotti della solidarietà (pecorino Dop, olio, vino e confetture) della maremma per sostenere le imprese agricole della Provincia di Grosseto devastate dagli effetti dell’acqua e del fango.

Le ricette dei capitani. Come si prepara il sugo di triglia? E l’insalata di polpo? Pescatori e cuochi degli Agriturismi di Campagna Amica insegnano al pubblico le ricette della tradizione di mare. All’interno dell’area showcooking sarà possibile assistere a dimostrazioni di cucina in diretta accompagnati da assaggi (“finger-food”) e degustazioni dei migliori vini da pesce della Toscana per esaltare l’impiego del “pesce povero ma ricco di sapore” che si pesca nei nostri mari. Gli showcooking sono in programma sabato 24 alle ore 13 e ore 17 e domenica 25 alle ore 11, 13, 15 e 17. La partecipazione alla dimostrazione e agli assaggi è gratuita (max 25 persone. Prenotazione obbligatoria).

Il miglior vino da pesce. Qual è il miglior vino da pesce della Toscana? Quale etichetta esalta la classica grigliata gamberoni e seppie, la mitica frittura viareggina, o la zuppa di pesce alla toscana? Quale vitigno e quale azienda vitivinicola meritano di entrare nell’Olimpo dei vini che assecondano, meglio degli altri, i piatti della tradizione ittico-gastronomica? Bianco, nero, rosato, Doc o Igp, a fare la differenza è la capacità di sposarsi con le ricette ed i piatti tipici della cucina di mare toscana. Dal Chianti al Montecarlo Doc, dai vini elbani all’Igt Val di Magra passando per il Brunello, celebre e osannato, per la prima volta la migliore produzione enologica della Toscana si “sfidano” nell’ambito della prima sezione dei vini da pesce della Toscana.  A decretare la classifica finale, per ogni categoria (vino da antipasto /aperitivo, vino da primo, vino da zuppe, vino da arrosti/grigliate, vino ad altri secondi di pesce (umido), una selezionata giuria di esperti e giornalisti. La finale è in programma domenica 25 dalle 11 alle 13 presso l’area Impresa Pesca Coldiretti.

Il convegno. “Le sinergie tra politica comune e piano triennale per superare la crisi della pesca italiana” è il titolo del convegno promosso da Impresa Pesca e Coldiretti in programma sabato 24 novembre (dalle 10 alle 13) presso la Sala Canova. Il convegno è propedeutico per illustrare le criticità, e soprattutto, gli strumenti a dimostrazione a tutela del reddito e delle risorse ittiche in grado di garantire il futuro della pesca. Al seminario partecipano in qualità di relatori Tonino Giardini, Impresa Pesca Coldiretti; Massimo Spagnolo, Università di Salerno e Presidente Irepa; Paolo Sartor, Consorzio Interuniversitario di Biologia Marina (CIBM di Livorno). Apre i lavori Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti Toscana. Conclusioni affidate a Gianni Salvadori, Assessore all’Agricoltura della Regione Toscana.

 

 


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: