Tecniche

NON DI SOLA GOMMA VIVE IL BLACK

Di Di Roberto Granata pubblicato il 19/10/20

          

In principio era il cucchiaino, ondulante e poi rotante. L' ondulante poteva avere una vaga sembianza di pesciolino, ma era ben lungi dall'esserlo. Lo spinning, inteso come disciplina di pesca, doveva ancora nascere. Poi i primi pesciolini ( vedi Rapala) , talmente innovativi e micidiali da essere vietati in taluni luoghi. Ma i primi pionieri, che gia' armeggiavano e tentavano di dare un volto alla " pesca al lancio" con i suddetti cucchiaini, si trovarono nelle mani ( gia' piuttosto esperte) un' arma che, sebbene talvolta illegale, avrebbe permesso loro di scrivere la parola " spinning " su questa tecnica di pesca. Ora le reazioni dei pesci non erano piu' " a senso unico", ma in certe giornate bastava cambiare esca per catturare ancora. E loro lo avevano capito.      

ATTO SECONDO.                  

Passarono gli anni e le mode con i loro danni. Lo scossone arrivo' dall' America( e se no da dove?) sotto i nomi di Propeller, Buzzbait, Popper, Jitterbug e tanto altro. Questi artificiali catturavano? Certo, e catturano ancora ma, come tutti gli artificiali, in determinate situazioni. Il problema stava nel fatto ( peraltro intuibile) che le esche spiccatamente di superficie hanno un utilizzo circoscritto a taluni momenti nel periodo caldo. Ma L' attrazione era troppo fatale, e faceva usare il Propeller anche a Natale.... Molti pescatori, seguendo allora come ora la moda, ne facevano un uso totalmente improprio, ed a dirlo erano i risultati. Tuttavia, con quale coraggio mi faccio vedere dall' altro pescatore, peraltro conciato come me, senza l' artificiale all' ultima moda( i pesci non conoscono mode) che sguazza a galla coi pesci gia' totalmente sul fondo? Omissis.                                 

ATTO TERZO.                        

Parliamo forse del periodo piu' bello, felice e producente. Amanti dello spinning in continuo aumento, esche artificiali sfornate spesso da ditte che si avvalgono del parere dei suddetti pionieri e dei loro proseliti e desiderio di conoscere piu' da vicino una pesca bella, diversa ddal solito, catturante e che offre la possibilità di sbizzarrirsi conoscendo più' da vicino svariati tipi di esche artificiali. Si scopre che non sono solamente le esche all' ultima moda a catturare, ma che i black attaccano ( e perche' non dovrebbero farlo?)anche il trogloditico ondulante, il vetusto rotante e cosi' via. Arrivano giorni dove i boccaloni preferiscono le suddette e giurassiche esche, ed altre dove le " new entry" , nel frattempo sperimentate dal " popolo dello spinning " in continuo aumento, sembrano rendere di piu'. Ed e' normale cosi'. Ed, udite udite, la " gomma" esisteva, poco usata da molti ed usata nel momento giusto da chi la conosceva meglio e da chi era desideroso di scoprire qualcosa in più' . Ed era cosa buona e giusta.            

ATTO ULTIMO.                      

Discorsi raccolti a pesca.     " Ho FATTO una CIFRA di bass a WTD perche' oggi la SWIM non li FACEVA. E tanti SELFIE. A casa con FOTOSHOP faro' un bass da 30 libbre. Avro' il cappello da GURU e L' abbigliamento da TESTIMONIAL. L' altro giorno si FACEVANO , come spesso, con la GOMMA.Non puoi FARE il bass senza la GOMMA. Il WORM innescato TEXAS , magari con un INSERT WEIGHT su di un amo WIDE GAP, si può FLIPPARE, SKIPPARE, PICCIARE ( o spero PITCHARE) , rigorosamente a CASTING. Ma li ho FATTI anche a DROP SHOT. Li mettero' il piu' possibile vicino all' obiettivo. Ma se avessi una BASS BOAT! Comunque, RAGA, stasera via di SOCIAL, via di BRUTTO!!


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: