Pesca in Gabon parte due

di Mauro Bigarelli pubblicato il 03/11/14

Di tutti questi snapper, 7 per l'esattezza mi viene riconosciuto solo quello da 3,5kg, gli altri per vari problemi vengono respinti. Imparo in questo modo che il multifibre power pro rompe molto piu alto del carico di rottura dichiarato, circa il 30-35% in piu. Questa non vuole essere pubblicita occulta ma un consiglio per chi pensa di cimentarsi alla ricerca di qualche record IGFA o EFFSA. Utilizzate il carico di rottura alla classe inferiore di quella scelta.

Nell'attesa dell'agabama piu robusta mi diverto in spiaggia a surfcasting con squali limone, blacktip, e violini. Fino a 105kg il limone e' uscito dall'acqua , ma degli strike paurosi con svuotamenti di uno stella 30000 non sono rari. Non ho ancora capito che razza di animali siano, le testate sono come quelle degli squali, la fuga anche ma piu continua, vista la zona il dubbio rimane fra squalo martello di taglia, oppure visto il periodo non e' da escludere la tartaruga liuto (arriva a 700kg) o squali limone veramente grandi. Prima o poi... Arriva la agabama piu robusta e...... via a dura prova . Jack crevalle di taglia fino a quello riconosciuto all tackle lenght da 101cm. Se a questi 101cm aggiungiamo la coda....... e' veramente un bel jack crevalle. Il regolamento all tackle lenght prevede che si misuri dalla punta della bocca chiusa al centro della coda nel punto piu corto.

Un barracuda da 27,9 kg fa da contorno a queste catture , seguito dal record sulla 16lb african red snapper e da altri 2 barracuda da 24,5 e 23,7kg sulla 20 e sulla 30lb. Tutto questo dovrebbe portare la agabama nella top ten delle canne saltwater, ma il barracuda 27,9 e' stato respinto causa documenti in ritardo, gli altri due barracuda sono ancora in giudicato ed un nuovo african red sulla 50lb da 24,5kg preso a surf e' in giudicato.

Questa agabama comunque e' una grande canna, sopratutto visto il rapporto qualita prezzo.  Con la cima si riesce a variare la vibrazione degli artificiali con una facilita estrema. La vera prova e' il jack, anche il tarpon ogni tanto inverte la rotta di fuga avvicinandosi, il jack mai. Mantiene una trazione costante tanto che si vedono i colpi di coda sulla cima e poi fa delle sfuriate aumentando la velocita di fuga e cercando sempre di allontanarsi. Qui la canna non ha un attimo di tregua e lavora veramente bene.

 






Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)