Blog Del Direttore

Pesticidi killer...

Di Gionata Paolicchi pubblicato il 10/07/09

Ricevo e pubblico questa mail inviatami da Mario Narducci presidente di Spinning Club Italia, ogni mio commento, mi sembra superfluo. Gionata Paolicchi

Carissimi tutti,
tanto per stare "allegri" anche nel periodo delle vacanze vi giro questo messaggio che l'amico Vainer dello SCI Piacenza mi ha gentilmente girato.

Una volta di più si dimostra come al giorno d'oggi per mantenere la possibilità di pescare con un minimo di soddisfazione non possiamo non interessarci anche all'ambiente dove la pesca si colloca.

Buone ferie a tutti

Mario Narducci

Ricevo e giro a tutti quelli che hanno a cuore la vita degli ambienti acquatici. Un caro saluto.
Alberto Faggioni

Cari tutti,
non so se siete a conoscenza che quest'anno, nelle risaie piemontesi e lombarde, è stato usato un prodotto per combattere il punteruolo acquatico del riso (Lissorhoptrus oryzophilus).
Tale prodotto (CONTEST, a base di cipermetrina), cito testualmente dal sito http://agricolturaonweb.imagelinenetwork.com/agripiazza/estensione-provvisoria-eccezionale-per-il-contest-di-basf-07865.cfm "ha ottenuto l’estensione provvisoria eccezionale
valida per 120 giorni, a partire dal 31 Marzo 2009 fino al 28 Luglio 2009 ed è stata ottenuta grazie alle richieste inviate al Ministero della Salute e delle Politiche Agricole da parte dell’Ente Nazionale Risi con il supporto dei Servizi Fitosanitari della Regione Lombardia e Piemonte, legate all’oggettiva mancanza di soluzioni ad oggi utilizzabili per controllare questo insetto".
Il problema è che tale prodotto uccide tutte le forme di vita acquatiche che incontra, inclusi pesci, larve di anfibi (e forse anche gli adulti - molti negli allegati della Direttiva Habitat) e gli invertebrati acquatici.
Tra Piemonte e Lombardia si parla di 200.000 ettari di risaie, il che significa una strage biologica (anche su specie della direttiva habitat) di proporzioni enormi causata da un prodotto che, come dice l'etichetta (scaricabile dall'indirizzo email che vi ho inoltrato) "Altamente tossico per gli organismi acquatici, può provocare a lungo termine effetti negativi per I'ambiente acquatico".
E magari molti di questi agricoltori prendono anche i sussidi agroambientali, e alcune di queste risaie ricadono in siti Natura 2000 (e chi ha visto la valutazione di incidenza ?).
E' il caso che le Associazioni ambientaliste e le persone sensibili facciano qualcosa perchè questo sia il primo e l'ultimo anno in cui sia permesso (in deroga) un disastro del genere.
Per favore diffondete la notizia anche a scala nazionale.
Un saluto a tutti
Roberto Sindaco


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: