Blog Del Direttore

Proviamo a chiarire... proviamo.

Di Gionata Paolicchi pubblicato il 29/11/11

Perchè devo chiarire? Cosa ho detto che non va nel mio ultimo editoriale? Ho detto il mio pensiero, ma io non sono un biologo, anzi, non sono tutti i biologi d'Italia messi insieme, non ho la verità in tasca e se i fatti mi smentiranno sarò pronto a chiedere scusa, ma andiamo per ordine. Ci sono pescatori che hanno voluto leggere, nel mio editoriale "i nazisti ittici" questo: "Paolicchi paragona i siluri alle vittime dei campi di sterminio e le associazioni e gli enti che cercano di contenerne la diffusione ai peggiori criminali della storia". Non è così. Io paragono, in modo provocatorio (e lo dico più volte) i pesci ai cani, in paragone a quanto detto da Ezio Greggio a Striscia la notizia in rif. al canile Lager di Montichiari, dove 2500 cani sono paragonati "a qualcosa di peggiore" facendo velato riferimento alle vittime dei campi di sterminio. Io ho paragonato allora i pesci ai cani (dicendo che tutti i pesci d'Italia non valgono certo meno di pochi cani) e dicendo che dei pesci non si parla mai e che si vogliono togliere dalle nostre acque gli alloctoni per avere solo gli autoctoni, come se questo fosse mai possibile. Io trovo impossibile togliere dal Po gli alloctoni, non parlo di Siluri, di TUTTI I PESCI ALLOCTONI. Anche a me piacerebbe avere nel Po lo Storione bianco, ma purtroppo a causa delle dighe, dell'inquinamento ecc ecc ecc, questo pesce non potrà mai più esserci (e non a causa del Siluro), vorrei avere i Barbi canini (invece ci sono gli alloctoni barbi "spagnoli"), vorrei avere le tinche, le bottatrici... vorrei, ma credo sia solo un utopia scientifica e quindi peschiamo da anni Aspi, Perca, Barbi spagnoli, tutti pesci alloctoni... provate a pensare il Po senza questi pesci... cosa mai pescheremo? Le associazioni che cercano di fare qualcosa, di contenere, limitare, risolvere, quello che fanno è fatto bene, visto che lo fanno per volontariato, ma quando poi dico che in Italia si spendono decine di milioni di euro, mi riferisco che si spendono per contenere, ripopolare, sistemare gli alvei delle nostre acque e mi viene detto che non è vero e che si spendono solo poche decine di migliaia di euro (questo è vero... in Emilia-Romagna, unica regione dove si spendono soldi per eliminare pesce, raramente capita in Lombardia e stop), beh, allora, non ci sto. Io ho fatto ricerca, ho chiesto agli enti di molte regioni italiane ed il risultato è questo: si spendono decine di milioni di euro e chi non lo sa, farebbe meglio ad informarsi. Insomma: potessi avere una bacchetta magica per far sparire tutti i Siluri dalle nostre acque (mi avete mai visto in foto con un Siluro in mano???), la userei, ma non ce l'ho e ripeto, sono pronto a chiedere scusa, se i fatti mi smentiranno. Io non ho la verità in tasca e non voglio fare il biologo, ma chi biologo non è, per cortesia, faccia lo stesso. Tanto dovevo.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: