Itinerari Italia

Torrente San Bernardino a Verbania Trobaso

Di di Pescaepesca pubblicato il 17/04/11

La nuova riserva turistica sul San Bernardino apre l’ultima domenica di marzo del 2011 e io ci vado il sabato dopo. La moglie e la suocera vanno via in gita in Liguria e io non so cosa fare.
Vi sarebbe anche un lancio nel biellese ma che stufa, che barba i soliti posti!!!
Il venerdì prima decido di prendere mezza giornata di ferie e scendere verso le terre natali anche per acquistare una canna da spinning da Roberto Leso noto negoziante auto costruttore di minnows e comparso svariate volte sulle riviste della Olimpia per illustrare tecniche. Si trova a Novara nella frazione Lumellogno.
Poi vado alla mia ex casa a trovare mio zio vecchio e sua moglie. Paninazzo alla vecchia e cara Pontisella e ti becco subito il presidente del CAGeP, Pellò Renato. Quest’ anno è avvenuta l’unione fra essa e la FIPSAS Novara e come logico anche il prezzo si è unito. Mi fa vedere l’ incubatoio delle marmorate e lucci. Interessante!!! http://www.apd.no.it/
La domenica parto e sono al Bar del molo a Verbania alle 7.40; “Selvatico” e due della sua banda sono puntuali alle 8. Caffè e via al torrente che scorre dalla foce fino a 3 Km circa a monte costeggiato da 2 strade in sponda opposta; conviene far il buono da 20 euro al Bar e costeggiare quella in sponda orografica sinistra.  Il primo Km è bandito alla pesca e cosi mi han tolto un posto da cavedani meravigliao SGRUNT .
Poi comincia il tratto a tecniche miste detto Zona Trofeo con pesca con amo singolo senza ardiglione e obbligo di Kill. Rilasciano solo i moschisti che hanno fatto l’ annuale. Sono un po’ arrabbiati i locali visto che così ne bucano un sacco e per qualche giorno non mangeranno. Sopra ancora il tratto solo a mosca. Il San Bernardino è un torrente, della provincia del Verbano Cusio Ossola (VCO) e immissario del lago Maggiore sulla sponda Piemontese a Verbania rione Trobaso L'origine del suo nome è dovuta ad un convento di francescani  eretto alla fine del 1400 ed ora non più esistente.
Nasce nella valle più selvaggia forse di Italia, sicuramente del Piemonte cioè la  Val Grande;  Qualcuno ci lasciò le “piume” per essersi avventurato da solo. 
Il suo bacino imbrifero corrisponde alla val Grande ed alla val Pogallo ed il suo percorso, compreso quello dei sui affluenti, è contraddistinto da profonde forre ed orridi.
Comunque siamo in quattro con due auto. Montiamo le canne e ci dividiamo a due a due.
Loro al tocco e io a spinning. Il primo tratto regala solo 1 trota e uno sgancio e Selvatico ordina di andare in altro tratto. Vi è un po’ di gente li ma si pesca agevolmente; Io ne perdo 4 col Martin da 9 grammi ma il socio ne becca 3 e ne sgancia un paio.
Al tocco col verme le lascia ingoiare ma io non posso farlo a spinning e l’ amo singolo senza ardiglione col cavolo che è uguale all’ ancoretta come presa specie per le trote che saltano e sbattono.
Tutte Fario dalla bella livrea e di buona misura cioè anche di 35 cm qualcuna o giù di li.  Prima di slamarle le  uccide per non farle soffrire oltre il necessario. Selvatico chiama col telefonino e andiamo.
Mi dà una canna col galleggiantino e verme e  mi dice che sono là: In 30 cm di corrente! Venti minuti e la quota da cinque pezzi la faccio pure io. Burro, limone e Menebrea e le papperemo. Sono solo le 11.
Aperitivo al bar, inciampo e batto ginocchio e gomito.

Al ritorno a  Romagnano l’auto si ferma, le due donne sono via, la figlia non risponde al telefonino e rischio di restare in loco fino a notte fonda. Per fortuna dopo 1 ora riparte.
Una bella mattinata sarebbe diventata una pessima giornata.
C’è il Sesia li ma pescare da arrabbiato non è il massimo.
La prima impressione è che sia una buona riserva come quantità, qualità e dimensioni (qualcuna ben oltre il Kilo) delle fario immesse. Vedremo se seguiranno questa linea. Selvatico, il vicepresidente della nuova associazione che la gestisce, mi assicura di si.
Vedrete altre foto nel sito www.pescaepesca.org e filmati in You Tube.
http://www.youtube.com/watch?v=YPmj8jelcOs
http://www.youtube.com/watch?v=wzjZ7thC8z8
http://www.youtube.com/watch?v=KX08rAodMbw


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: