Blog Del Direttore

Un autunno tutto d'oro, anzi, d'Orata.

Di Gionata Paolicchi pubblicato il 22/10/09

Un amico a me caro, che da anni pesca sul fiume Magra, tra le province di Massa-Carrara e La Spezia, con ottimi risultati, pure troppo, anche lui, come molti altri pescatori, in periodi di grossi passaggi di Spigole e di Orate non riesce a contenersi e siccome i tratti di fiume dove pesca, sono soggetti alle acque interne e non al mare (serve quindi anche regolare licenza di pesca...), si devono rispettare anche i 5 kg di pesce come quantitativo massimo da portare via. Ed invece, quando in una mezza mattina si riescono a fare 20-30 kg di Orate (come accaduto nelle scorse settimane), come fare a fermarsi a soli 5 kg? Del resto la stessa cosa in Italia vale per esempio per i fungaioli: 2 kg al massimo e ne portano via 20-30 kg. E allora? E allora manca la cultura del rispetto, quella cultura che all'estero, in molte parti esiste e che da noi è invece fantascienza. Ci sono pescatori che sulla Magra, con il pescato ci si sono arrotondati lo stipendo/pensione, ci sono disoccupati ci si sono fatti lo stipendio pescando ogni giorno, 24 ore il giorno e facendo quintali di Orate, che mai come quest'anno, per fortuna, hanno invaso le nostre coste ed i nostri fiumi, e quando dico nostri, vivendo anch'io da quelle parti, voglio dire coste della Toscana e non tutta l'Italia. Insomma, tanto pesce, ma per pochi, tanto pesce e... il mio amico gli viene in mente di portare sul fiume una troupe televisiva per delle riprese e per questo subisce anche minacce... di morte! Scusate se è poco. Per fortuna i giorni dopo l'accaduto, le guardie provinciali hanno elevato decine di contravvenzioni, sia per mancanza di licenza di pesca che per i quantitativi di pescato in eccesso. Multe salate, molto salate, ma io farei di più, cambierei la legge e la farei come in altre nazioni d'Europa, chi sbaglia paga denaro e va anche sul penale... pensate, sporcare la vostra fedina penale per aver pescato pesce in eccesso, sarebbe davvero fantastico! Direte voi... ma te Paolicchi ci vorrai mica far credere che hai sempre rispettato le leggi? No! Ci mancherebbe, pensate che due anni fa in provincia di Arezzo ero a fare delle foto ed avevo la licenza scaduta da un mese e mi sono beccato 160 euro di multa. Ma avere la licenza scaduta è una cosa, fare strage di pesce, rivenderlo a nero ai ristoranti... beh, è altra cosa se permettete. Quindi, cari amici pescatori e non, mi raccomando, rispettate la legge, perchè dobbiamo cambiare, perchè la mentalità deve cambiare, lo dobdiamo fare per noi e per le generazioni che verranno, dobbiamo salvaguardare l'ambiente, dobbiamo salvaguardare il nostro futuro e se non ci arrivano le leggi, almeno cerchiamo di arrivarci noi.


FacebookTwitterGoogle+Invia per email

Collabora


Ti potrebbero interessare anche: