Una bellissima vacanza di pesca a due passi da casa

di Matteo Pirazzini pubblicato il 14/09/15

Quella che vado per descrivervi è una fantastica sessione di pesca di quattro giorni in Austria, presso la magnifica riserva gestita dalla Famiglia Gargantini, nome che ormai per molti pescatori vuol dire divertimento assicurato!!

Il viaggio ha inizio venerdì 14/08 al mattino presto quando Leonardo Zagli e Filippo Beltrami, agonisti della nazionale italiana U23 appena tornati dal mondiale serbo, arrivano a Bologna e dopo i complimenti per la comunque bella prestazione carichiamo il furgone con tutto il necessario per la spedizione e partiamo. Le aspettative sono alte come il morale e in meno di 4 ore ci troviamo a Frog nel bellissimo hotel Aktiv sempre gestito dalla famiglia Gargantini.

Senza perdere tempo facciamo il permesso per il bellissimo lago di Kuker Au forse più conosciuto come lago delle Tinche. Arrivati sul posto decidiamo di affrontare la sessione di pesca con belle bolognesi da sei metri, le ormai mitiche Invincible di casa Maver, e a feeder. Con la bolognese partiamo a pescare io e Leonardo mentre Filippo si dedica inizialmente al feeder. Con l’invincible abbiamo pescato a circa 8/9 mt pasturando con una pastura da carpe (la maver Carp Plus Red) e dei bigatti  sfusi. Dopo poco tempo il galleggiante di Leonardo si inabissa una pronta ferrata e il primo barbo è allamato! Un bellissimo combattimento tra pesce/pescatore e dopo qualche minuto il primo pesce austriaco è nel guadino, le classiche foto di rito e subito la libertà per lo stupendo esemplare.  Dopo pochi minuti anche io ferro e allamo un altro bellissimo barbo. Filippo a Feeder impiega un pò più tempo per far entrare i pesci in pastura ma poi le grosse Breme  gli regalano bellissime emozioni!! Dopo poco le catture iniziano a diventare regolari e come spesso capita tra amici ci si scambiano le canne e le postazioni di pesca. La sera in Hotel davanti a un ottimo stinco con patate decidiamo di affrontare il giorno seguente la difficile Drava piccola alla ricerca di qualche stupendo esemplare di Nasen.

Il sabato mattina presto iniziamo la sessione in Drava sotto una leggera pioggia che purtroppo ha sporcato il colore dell’acqua. Per questa sessione abbiamo deciso di utilizzare le Superlithum  335/355/375 nella misura da sei metri. La giornata parte con una bellissima cattura da parte di Filippo di una stupenda trota iridea, in seguito i pesci stentavano a entrare in pastura forse per il pessimo colore dell’acqua quindi decidiamo di spostarci più a valle in una piana dove l’acqua correva più lentamente. Dopo qualche generosa fiondata di bigatti il mio galleggiante segnala una mangiata e subito dopo la ferrata la mia Superlithium 375 si inarca facendomi capire che il pesce allamato era di buona taglia, dopo un breve ma intenso porto a guadino un bellissimo esemplare di nasen pesce molto simile alle savette nostrane. Dopo qualche altra cattura mia e di Leonardo decidiamo di tornare in hotel per andare ad affrontare, dopo un bel panino, la più famosa Drava grande. Arrivati alla diga di Feistriz decidiamo di affrontare la sessione pescando a feeder fishing con dei classici pastura tori da bigatto dal pesci che variava dai 50g ai 150g. Anche in questa situazione i pesci hanno impiegato un po’ di tempo ad entrare i pastura, ma dopo le prime catture di enormi breme il divertimento era assicurato!! La taglia media di questi stupendi pesci è all’incirca sui 2Kg, nella nostra sessione Filippo ha lasciato tutti a bocca aperta portando a guadino un esemplare a dir poco mostruoso stimato “stando stretti” sui 3,5kg!! Le canne Maver Extreem feeder e Nembo feeder si sono dimostrate più che all’altezza del gravoso impegno.

La Domenica vedendo che il tempo era soleggiato torniamo a pescare nello spettacolare scenario del lago di Kuker au. Di nuovo decidiamo di affrontare il lago sia a bolognese che a feeder insaporendo il tutto da una sfida a tre, chi avrebbe catturato il maggior numero di pesci avrebbe vinto. Leonardo che decide di partire a feeder su una distanza di circa 35m stacca subito tutti con la cattura di una stupenda Carpa specchi, un bellissimo barbo e una stupenda quanto inaspettata trota fario, su uno schiacciante 3 a 0, non perdo la fiducia nella pescata che avevo deciso di affrontare a bolognese sempre con la insuperabile INVINCIBLE e in qualche minuto mi rifaccio sotto con la cattura di due stupendi barbi, purtroppo il tempo continua a non essere clemente e una giornata che sembrava magnificamente soleggiata diventa una cupa giornata di pioggia. Noi non ci scoraggiamo e subito dopo aver indossato gli antipioggia ricominciamo a pescare. Io e Leonardo iniziamo un testa a testa pesce su pesce, fino a quando non riesco a passare in vantaggio e poi ad allungare di un paio di catture!! Filippo purtroppo è in una giornata no e vede poche mangiate spesso di pesci sotto misura. A questo punto era una partita tra bolognese e fiorentino e nessuno aveva intenzione di perdere!! La cattura per me più bella è stata quella di una stupenda Carpa sotto il diluvio, questa volta pesata ben 7950 Gr. La giornata ormai volgeva al termine essendo quasi le 20.30 e con mio stupore vinco la nostra sfida, alla quale abbiamo subito rilanciato con una rivincita in Italia.

Il Lunedì seguente dopo un intenso temporale avendo solo la mattina decidiamo di riaffrontare la Drava grande sempre nel tratto di Feistriz, ovviante forse per le copiose piogge i pesci erano molto più apatici che la scorsa volta ma questo non ci ha minimamente pregiudicato il nostro divertimento con la cattura sempre di enormi Breme, Nasen e grossi Gardon.

La nostra gita tra amici si conclude così. Ne è valsa la pena?? Assolutamente si! Lo consiglio?? Assolutamente si anzi ogni pescatore dovrebbe venire qui almeno una volta. I prodotti sono stati all’altezza delle aspettative?? Beh questo lo lascio giudicare a voi con le Foto ma direi proprio di si!

Ringrazio ancora una volta la Famiglia Gargantini per l’ospitalità e per le bellissime giornate.

Con questo vi saluto fino al prossimo racconto di pesca!!! Per info pesca www.trophyclub.it

Ciao a tutti Matteo Pirazzini.






Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)